L’agrimensore del linguaggio

mozzi
Leggendolo da molto tempo, ho ricavato l’impressione che Giulio Mozzi, con questa sua caratteristica ed eccentrica vocazione da agrimensore del linguaggio, che cerca di misurare e delimitare i campi semantici di ogni affermazione, detesti sopra ogni cosa l’ambiguità, la vaghezza. Tutto ciò che non è perfettamente chiaro, che non è “alla lettera”, che si presta ad interpretazioni discordanti, pare indisporlo. Se legge l’Inferno dantesco interroga il testo con ostinazione inquisitoria per accertare, al di là di ogni ragionevole dubbio, se Ugolino s’è pappato o meno i poveri figlioli, e non capisce che proprio in quell’imprecisione, invece, si nasconde il fascino irresistibile e l’infinita ricchezza della letteratura. Quando glielo scrissi in un commento su Vibrisse rispose infastidito, dicendo più o meno che se gli avessi dato del cretino sarei stato più chiaro.

Annunci

8 Risposte to “L’agrimensore del linguaggio”

  1. marco rovelli Says:

    Non ho nulla dire sul post-ino in questione (avrei qualcosa da dire invece sull’Ur-figa, che apre il campo a svariatissimi itinerari – ma avremo modo di percorrerli), ma voglio essere il primo a commentare in questo nuovo blog… !! Welcome back Sergio!!!

  2. gianni biondillo Says:

    Marco, mettiti in coda… 😉

  3. sergiogarufi Says:

    ciao marco, chissà perché ero certo che sull’ur-figa avessi qualcosa da dire, invece trovo molto strano il silenzio di gianni sullo stesso tema 🙂

  4. gianni biondillo Says:

    Sergio, non potrei, sono un uomo SpEsato.

  5. vibrisse Says:

    Per piacere, qualcuno spieghi a Sergio Garufi che esistono testi nei quali la precisa delimitazione dei campi semantici è necessaria, e testi nei quali non è necessaria (o, addirittura, può essere dannosa).

    giulio mozzi

  6. sergiogarufi Says:

    Certo Giulio, un conto è una poesia e un altro conto è una conversazione in rete, ma ciò che ci divide realmente è la fiducia nella possibilità ( e per certi versi nell’utilità) di delimitare con precisione i campi semantici di un qualsiasi enunciato.

  7. vibrisse Says:

    Io non ho alcuna fiducia nella possibilità di delimitare con precisione i campi semantici di un qualsiasi enunciato. Ho fiducia nella possibilità di delimitare con precisione i campi semantici di certi tipi di enunciati, ad esempio quelli del discorso geometrico. Ho fiducia nell’utilità di discutere i limiti dei campi semantici di certi enunciati: ad esempio quando si stia svolgendo una discussione attorno scelte pratiche (fare una legge, decidere se accendere o no un mutuo ecc.), o quando si abbia bisogno di descrivere un oggetto (reale o mentale che sia), o quando si voglia sondare la profondità dell’Infinito di Leopardi. In taluni casi sarà utile individuare ed eventualmente concordare precisi limiti dei campi semantici; in altri casi si godrà della indefinibilità di tali limiti.

    Se queste mie opinioni sono contrarie alle tue opinioni, Sergio, allora siamo effettivamente “divisi” (ma, in questo momento, non siamo piuttosto “uniti” nella discussione?).

    giulio mozzi

  8. matteo ciucci Says:

    Leggendo l’ultimo Mozzi e soprattutto vibrisse, ho anch’io avuto la stessa impressione: che l’indefinito indisponga il carattere di G. Mozzi.

    Tuttavia, con l’attitudine al dettaglio definito fino al massimo grado, ottiene risultati di una potenza eccezionale: una messa a fuoco che acceca il lettore, una scrittura forte, robusta, decisa. Se non fosse “cristiano, cattolico tentato”, parrebbe quasi un protestante per il suo estremo desiderio di esattezza, di richiamo alle fonti.

    Quanto al post in sè, l’entrata di Mozzi è davvero esilarante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: