La voce delle cose

bambola

C’è un aneddoto della biografia di Kafka che mi ha sempre affascinato. Riguarda il tempo in cui viveva a Berlino con Dora Diamant, l’ultimo periodo della sua vita. Pare che un giorno lui e Dora stessero passeggiando nel parco di Steglitz quando incontrarono una bambina in lacrime. Le domandarono il motivo del pianto e lei rispose che aveva perduto la sua bambola. Allora Kafka le chiese l’indirizzo di casa, dicendole che se l’avesse trovata gliel’avrebbe portata, e nei giorni seguenti le scrisse delle lettere come fosse la bambola perduta. In queste lettere la bambola raccontava alla bambina la sua vita senza di lei, le avventure che aveva. Purtroppo non se n’è conservata nessuna, solo il ricordo di Dora. Molti anni dopo vennero affissi dei manifesti per cercare di trovare la destinataria di quelle missive, una bambina che doveva essere nata nel 1917, ma fu tutto vano.

A ben vedere questo non è solo un racconto edificante sulla sensibilità di quell’uomo straordinario, che concepì un’opera per un solo lettore, ma è anche un apologo formidabile sulla volontà dell’artista di reificarsi fino a dar voce a chi non ce l’ha, fino a scoprire l’anima di ciò che definiamo comunemente inanimato. E ci insegna che la dicotomia oppositiva fra soggetto e oggetto, il primo attivo e il secondo passivo, è in fondo un’illusione di superiorità. Forse non c’è mai stato un periodo storico come questo in cui il soggetto è stato tanto assoggettato, tanto privato della propria volontà da ridursi a marionetta. E in ogni caso si tratta di un’illusione perché non vi è opposizione, soggetto e oggetto sono categorie relazionali, ciascuna detiene il senso dell’altra.

Tag:

4 Risposte to “La voce delle cose”

  1. giuseppe Says:

    non vi puo’ essere opposizione,l’illusione dell’opposizione consiste tutta nell’egoismo insito del nostro io……a volte serve sentire la fitta di una qualsiasi sofferenza per sentire la realta’ di questa illusione,e pervenire ad un altra realta’,una realta’ che non inganna poiche’ nulla piu’ si aspetta per se’ stessi.

  2. emma Says:

    Pietro Citati riporta quest’episodio nella sua biografia di Kafka, e se non sbaglio lo cita anche Paul Auster nel suo “Follie di Brooklyn”. Ha commosso profondamente anche me, soprattutto la sensibilità con cui Kafka consola la bambina assicurandole che la sua bambola è in viaggio e nulla di male le è accaduto. E poi, pensa il privilegio di avere nientemeno che Franz Kakfa che scrive racconti appositamente per te…

  3. sergiogarufi Says:

    ciao giuseppe, concordo pienamente, è proprio quello che cercavo di dire.
    ciao emma. non trovi che ricorda un po’ la scena del meraviglioso mondo di amelie, quella del nano da giardino che manda fotografie in giro per il mondo al suo proprietario? chissà, forse il regista si è ispirato a questo episodio di kafka…

  4. emma Says:

    Non ci avevo pensato, ma concordo pienamente con te!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: