10 buoni motivi per non leggere il nome giusto

 

 

 

 

 

 

1°) Perché in copertina c’è il suo editor, l’autore occulto, il che conferma la fondatezza dell’accusa circa la formattazione della letteratura italiana contemporanea sottoposta a editing omologanti.

2°) Perché di tennis aveva già scritto molto meglio David Foster Wallace.

3°) Perché è pieno di parole difficili e il lettore è costretto a consultare spesso il dizionario.

4°) Perché l’autore racconta dell’incontro con lo scrittore argentino Jorge Luis Borges solo per tirarsela.

5°) Perché nei ringraziamenti finali dice che è un arazzo patchwork composto da mille scampoli diversi rubati in giro, e allora siam buoni tutti a scrivere un romanzo.

6°) Per il chiasmo del risvolto di copertina, che dice: “non siamo noi a leggere i libri ma i libri a leggere noi”.

7°) Perché ogni tanto ci sono delle frasi sciatte tipo: “un locale pieno di belle fighe”.

8°) Perché non ci può essere “uno spicchio di cielo azzurro” (pag.12) alle h 20 di un fine settembre a Roma.

9°) Perché l’odore del pitosforo non è acre.

10°) Perché nel finale passa dalla prima alla terza persona e non si capisce il motivo.

http://libri.tempoxme.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1051:10-buoni-motivi-per-non-leggere-il-nome-giusto-di-sergio-garufi&catid=198:la-parola-agli-autori&Itemid=32

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: