Gli uccelli e l’ornitologia

In un passaggio della sua ricca autobiografia (La mia vita, Sellerio), Marcel Reich-Ranicki racconta l’intervista con Anna Seghers, l’autrice de La Settima croce, romanzo per lui ammirevole (in Italia edito da Mondadori). In quel brano il celebre critico tedesco descrive il proprio sconcerto nel rendersi conto, man mano che l’incontro si approfondiva, che “quella persona modesta e simpatica che in quel momento discorreva tranquillamente sui suoi personaggi […], quella donna degna e amabile non aveva capito nulla del romanzo La Settima croce, e non aveva la minima idea della raffinatezza dei mezzi artistici impiegati in esso, del virtuosismo della composizione”; giungendo così alla conclusione che “la maggioranza degli scrittori capisce di letteratura quanto gli uccelli capiscono di ornitologia“.

Annunci

Tag: ,

5 Risposte to “Gli uccelli e l’ornitologia”

  1. lillo Says:

    c’è chi ha le ali e chi guarda al cielo. e c’è chi ha solo delle belle e grandi finestre.

  2. sergiogarufi Says:

    bella risposta lillo.

  3. Dinamo Seligneri Says:

    mah, sergio, la storia è carina, però tendo a fidarmi di più degli scrittori quando parlano di letteratura piuttosto che dei critici letterari (a meno che non siano degli artisti)…

  4. lillo Says:

    Sergio, senti, dal 2 al 6 gennaio, a Barletta, in una serie di capannoni industriali, con un amico stiamo curando la mostra dell’artista, Raffaele Fiorella, e avevamo pensato, per il catalogo, di creare una microantologia in cui si mischiavano i lavori dell’artista (incentrati sul mito del labirinto, rivisitato in chiave moderna) con una serie di testi non necessariamente legate al suo lavoro, ma accomunate dal concetto di base, dato dal titolo della mostra: DA DOMANI.
    Ti chiedo, ti interesserebbe partecipare scrivendo qualcosa? Si tratterebbe di inviare una poesia, un aforisma, un ricordo, un racconto breve (sulle 2000 battute), una barzelletta, una puttanata, insomma ciò che vuoi, senza censure, sul concetto DA DOMANI. Non siamo così ricchi da poter pagare l’intervento, però possiamo ricambiare il favore alla prima occasione e, ovviamente, invieremo il volume.
    Ovviamente, puoi mandarmi anche a quel paese. Nessun problema.
    Nel caso ti interessi questa è la mia mail: tonio.lillo@libero.it

  5. Giulio Mozzi Says:

    Ma. A me pare che vi siano degli scrittori che sono degli artisti e altri che non lo sono. Esempio: Sergio Garufi è un artista, Anna Seghers no.
    Mi è capitato più volte, nell’ordinario lavoro editoriale, di trovarmi di fronte a persone che non sapevano di preciso che cosa avevano fatto – e che era magari molto bello. Così come mi è capitato di trovarmi di fronte a persone che sapevano perfettamente che cosa avevano fatto.
    D’istinto ho più simpatia per i non-artisti: perché appartengo alla categoria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: