il biglietto nel catalogo

rotAvendo visto un dipinto scuro di Rothko, di quelli che realizzò nell’ultima parte della sua vita, volevo verificare la notizia secondo la quale in quel periodo lui stava leggendo un libro di Cioran, cosa che ricordavo riportata nel saggio di un catalogo che possedevo. La verifica è andata a buon segno, nel senso che effettivamente Rothko stava leggendo un libro di Cioran, e per la precisione The temptation to exist. Glielo prestò l’amico Brian O’Doherty, e questa consonanza fra l’ultimo Rothko e il pensatore rumeno secondo me andrebbe approfondita. Ma la sorpresa l’ho trovata fra le pagine del catalogo. Era il biglietto d’entrata alla mostra (in foto), che avevo conservato. Ci andai il 22 aprile 2001 insieme a Nicole, una ragazza olandese con cui ero fidanzato. Convivevamo in un bilocale a Monza da più di un anno, era la mia prima convivenza ed ero sicuro che sarebbe stata anche l’ultima. Io avevo un negozio di arredamento vicino a casa, e lei faceva l’architetto. Entrambi avevamo un debole per le torte di mele, Parigi e le mostre d’arte. Rothko era uno dei nostri artisti preferiti, e appena saputo della mostra, pur essendo molto tirati coi soldi decidemmo di fare uno sforzo, di andare in macchina a Basilea e tornare in giornata. Ottocento chilometri in ventiquattr’ore, una bella sfacchinata. Ma oltre a Rothko ci attirava l’idea di vedere la Fondazione Beyeler, un museo privato progettato da Renzo Piano negli anni 80. Poi la collezione permanente ospitava opere importanti, di grandi artisti come Francis Bacon e Alberto Giacometti, e insomma partimmo senza esitazioni. Ricordo che era domenica, una bella giornata primaverile, fredda ma tersa. Fortunatamente non c’era traffico e viaggiammo spediti, sostando una volta sola nei pressi del lago chimerico di Lucerna. Basilea ci accolse nel primo pomeriggio con le nuvole basse e i campanili a cuspide che svettavano come sortilegi sopra le case a graticcio. La sede della Fondazione era un parallelepipedo semplicissimo, situato in mezzo al verde alle porte della città. Dentro non c’era una sola lampada in tutto l’edificio. Ogni opera sembrava immersa in un’atmosfera da infusione acquea, grazie alla luce naturale satura di pulviscolo che ristagnava fra le ampie vetrate a parete e le alette mobili installate sul tetto. Vagammo sospirando tra una settantina di Rothko, un homme qui marche di Giacometti, un trittico arancione di Bacon, e una folla sgomitante di Van Gogh, Lichtenstein, Pollock, Monet, Braque, Picasso, Mondrian, Seurat, Klee, Rodin, Matisse, Calder, Degas, Louise Bourgeois, Max Ernst. Alla fine eravamo stanchissimi ma felici, ne era valsa la pena. Come souvenir comprammo il catalogo, che in realtà si riferiva a una retrospettiva su Rothko allestita a Washington tre anni prima, perché il catalogo in italiano della mostra di Basilea non c’era; e prendemmo pure una videocassetta in tedesco su Giacometti che a casa Nicole mi tradusse al volo, dove si vedeva il suo studio parigino, lui modellando una scultura con la donna ritratta davanti.

Due anni dopo la mia prima convivenza era già finita. Lei se ne andò in fretta e furia da un altro, e sia il catalogo che la videocassetta rimasero a me. Oggi vivo in un’altra città, faccio un altro lavoro, amo un’altra donna. Son passati solo 14 anni eppure sembra una vita fa. Anche la videocassetta appartiene a un passato remoto, è una tecnologia talmente superata che non saprei neanche più dove vederla… E poi c’erano le lire, e le torri gemelle, tutto un mondo sepolto e archiviato senza tanti rimpianti fra le cianfrusaglie di Chronos, il Grande Rigattiere.

Tag: , , , , ,

6 Risposte to “il biglietto nel catalogo”

  1. eziotarantino Says:

    Facebook killed the blog star… (su FB 36 likes, qui niente, silenzio). Pezzo bellissimo.

  2. sergiogarufi Says:

    grazie ezio. su fb avevo messo una sintesi, qui mi sono dilungato un po’ di più, fa niente se lo apprezzano in pochi. pochi ma buoni, se son come te🙂

  3. dario Says:

    ….ma allora era più di un mese che non passavo da ‘ste parti… bel pezzo di quelli “come ai bei tempi”… me lo son proprio goduto, grazie!
    ps: ma poi la presentazione del superlativo a venezia non l’hai più…? comunque vedo che e distanza di mesi continua a macinar recensioni, avrai mica scritto un long-seller?

  4. sergiogarufi Says:

    ciao dario, quanto tempo! grazie, sono contento che ti sia piaciuto. purtroppo la presentazione veneziana è saltata, ma io e la fianceé abbiamo voglia di tornarci, e se lo facciamo ti avverto senz’altro (tu fai lo stesso se passi da roma, però). un abbraccio

  5. dario Says:

    ciao sergio, allora a presto, spero….

  6. cristianoprakashdorigo Says:

    do ragione a Ezio: che bello era quando ci si leggeva per intero nei blog. la maledetta sintesi figlia della fretta dei tempi moderni.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: