frasi fatte

vit

Per tanti anni ho creduto che l’espressione “piangere come un vitello” fosse relativa al distacco forzato del cucciolo dalla madre, o peggio allo strazio degli ultimi istanti prima della macellazione. Per chi è molto sensibile alle parole, e le maneggia con attenzione, non esistono espressioni scontate. Anche quando sento qualcuno dire frasi apparentemente innocue, tipo “tagliamo la testa al toro“, mi capita di trasalire, di intenderle alla lettera, e quella sul vitello la consideravo una delle più feroci. Quella espressione fu uno dei motivi per cui mangio pochissima carne, pur non potendomi dichiarare un vegetariano, e soprattutto mai di bebè, cioè vitelli e  agnelli. Poi, di recente, ho scoperto che in realtà si riferisce alla vite, la cui linfa dei tralci recisi dopo la potatura somiglia alle lacrime, ma sono ugualmente contento di essermi sbagliato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: