AAA case d’artista vendonsi

 dalida                       

A volte la cultura paga. Magari non subito, ma se si ha pazienza i soldi tornano tutti e con gli interessi. Basta vedere come campano di rendita l’Harry’s bar di Venezia, il Giubbe rosse di Firenze, il Jamaica di Milano o il Café de Flore di Parigi. Ci sono addirittura città che s’identificano con un artista e prosperano grazie a quel tipo di turismo, vedi Joyce e Dublino (e oggi è il Bloomsday), Pessoa e Lisbona, Kafka e Praga, Gaudì e Barcellona. Parigi invece è un pantheon affollato, difatti è praticamente impossibile girare per Saint-Germain o Montmartre senza imbattersi in qualche placca commemorativa. A volte la memoria storica è talmente ricca da sovrapporsi. Penso a chi visita la casa di rue d’Orchampt, dove la cantante Dalida si tolse la vita nell’87, senza sapere che fra quelle stesse mura circa mezzo secolo prima un oscuro medico scriveva uno dei capolavori del Novecento, il Viaggio al termine della notte. Ma l’assenza della lapide di Céline non è dovuta tanto alla sovrapposizione, quanto piuttosto all’imbarazzo per il suo antisemitismo che gli è costato la damnatio memoriae. Non a caso, quando i condomini di rue Girardon apposero la lapide che segnalava la sua presenza lì, il comune provvide subito a farla rimuovere. È che quelle case sono molto ricercate, tant’è che l’appartamento di Dalida è stato venduto a un prezzo esorbitante, molto superiore al suo valore di mercato. Forse converrebbe lanciare un crowdfunding per aprire un’agenzia immobiliare specializzata in residenze d’artista, soprattutto le tante non ancora note, sposando così business e cultura.

Tag: , , , , , ,

3 Risposte to “AAA case d’artista vendonsi”

  1. Kiko Says:

    Scopro giusto ora che, essendo tu ‘evaporato’ da facebook, hai ripreso a postare qui, per altro con la consueta felicità di ispirazione. Spero che l’_altra_ scrittura proceda con soddisfazione (prima tua, poi del lettore) e che nel caso di intoppi ti sovvenga per consolazione quel pensiero di Cioran sulla produttività, a detta sua “la peggiore delle superstizioni”.

  2. acabarra59 Says:

    “ 24 ottobre 1994 – Una casa è una casa è una casa. Ti ho mai detto delle mie quattordici? Va bene ma guarda che è una storia lunga. In realtà è sempre la stessa. Quattordici volte. “.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: