scrivere per dimenticare

aud

Solomon Shereshevsky era un giornalista russo affetto da ipermnesia, cioè aveva una memoria prodigiosa. Ricordava tutto, ogni singolo dettaglio della sua vita e di ciò che gli accadeva intorno, ma aveva seri problemi a pensare, perché per farlo è necessario astrarre, generalizzare e soprattutto serve l’indispensabile lavoro inibitorio e liberatorio dell’oblio. Lo prese in cura il neuropsicologo Aleksandr Lurija, che dopo vari infruttuosi tentativi trovò un metodo efficacissimo per aiutarlo: gli faceva scrivere le cose che voleva dimenticare, e poco dopo averle scritte le dimenticava. Io non ho la sua memoria infallibile, ma scrivo per lo stesso motivo.

 

 

Annunci

Tag: ,

Una Risposta to “scrivere per dimenticare”

  1. acabarra59 Says:

    “ Giovedì 11 dicembre 2003 – « Scrivo per dimenticare », scrive Cesare Viviani cominciando la sua risposta all’inchiesta del – nuovo – «Verri»: « Perché scrivete poesie? ». Poi non ho letto altro, perché non mi andava. Comunque sono d’accordo: scrivo anch’io per dimenticare, tutti, anche i poeti, soprattutto i poeti. “.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: