oblioteca

spre

Mia madre non ci ha lasciato niente di prezioso. I pochi oggetti di valore che le restavano li aveva regalati a noi figli o se li era venduti a suo tempo per integrare la modesta pensione di reversibilità di mio padre che morì a 55 anni, solo due più di quanti ne abbia io adesso. L’unica cosa sua che ora vorrei qui con me è lo spremiagrumi elettrico Scaroni. Quando le feci visita per l’ultima volta a Torrelles, a fine giugno, glielo trovai in cucina e mi venne in mente che una vita fa era stato mio. L’avevo preso nel 2000 coi punti al Gigantino di via Porta Lodi, un supermercato nel centro di Monza, vicino a dove abitavo e avevo il negozio. Andavo spesso a far compere lì con Nicole, la mia fidanzata dell’epoca. Quel supermarket era il più piccolo di una catena di enormi mall presenti in tutta la Lombardia, da cui il curioso ossimoro del nome, come se un tipo alto 1.55 lo si chiamasse “il nanone”. Ci piaceva la routine serale della spesa insieme, finita la giornata lavorativa, per scegliere cosa cucinare. A furia di andarci accumulammo parecchi punti e lo prendemmo senza pagare una lira. Ci sembrò di aver fatto un affare, uno spremiagrumi di plastica che valeva al massimo 10.000 lire, come regalo per aver speso almeno un paio di milioni nell’arco di un anno nello stesso negozio. Però lo usammo tanto, soprattutto io. In inverno quasi ogni mattina le facevo una spremuta di arance prima che andasse in ufficio, era il simbolo del nostro viver sano.

Non so come finì in Spagna. Probabilmente da lì lo portai nella casa di via Toti, e poi in quella di via Raiberti, dove venne a stare anche mia madre nel 2009 per la convalescenza dopo il primo ciclo di chemio, e da dove infine io partii per venire a Roma. A giugno, quando glielo trovai in cucina, le chiesi se le era utile, e mi disse di sì, che anche lei si faceva spesso la spremuta. Era ancora perfettamente integro. La sua misera plastica ne aveva viste tante in sedici anni e ben quattro traslochi.

Oggi non mi serve, ne ho un altro più nuovo, però mi piacerebbe tenerlo lo stesso. Non si merita la discarica, e poi è stato un testimone muto e fedele della mia vita e di quella di mia madre. Magari esiste la memoria degli oggetti, e questo spremiagrumi conserva un po’ dell’energia delle mani che lo usarono e degli sguardi che vi si posarono sopra. A me basterebbe guardarlo ogni tanto per ricordare. Ricordare significa richiamare al cuore.

Annunci

Tag: ,

Una Risposta to “oblioteca”

  1. acabarra59 Says:

    “ Martedì 25 ottobre 2016 – Provo l’atroce sensazione di essere sul punto di non ricordare più niente. Per intanto, colgo l’occasione per notare che il ricordare, il ricordo, non è la stessa cosa della memoria. Nel ricordo c’è sempre qualcosa di affettuoso, nella memoria, no. Il ricordo è quello delle Ricordanze di Giacomo Leopardi, la memoria può essere quella del computer, o delle medaglie, alla. Nel ricordo c’è qualcosa che riguarda il cuore. Nella memoria è chiamata in causa soltanto la testa. Io, comunque, da più di quarant’anni, non faccio altro che tentare di ricordare: « Gennaio [1974] – Mi sveglio sempre / sovraeccitato / la notte / il dormiveglia / i primi passi / della coscienza / hanno stratificato / una Babele / di immagini // Ora si tratta / di Ricordare / con ordine // Itinerare / l’anima / verso il suo Dio. (Scheda del risvegliarsi) » “.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: