Archive for dicembre 2018

Le vite degli altri nei libri usati

dicembre 5, 2018

Luisa, in L’impero dei segni, di Roland Barthes, edito da Einaudi. Luisa 1991, l’anno in cui è morto mio padre. Chi eri? Perché ora il tuo libro sta qui? Che fine hai fatto? Le macchie di caffè sulla costa sono tue? Luisa.

La politica al negativo

dicembre 5, 2018

Tempo fa avanzai la proposta di una legge elettorale che prevedeva un voto oppositivo basato sulla contrarietà, il cui oggetto della scelta era appunto l’avversario, e quindi indirizzato a ciò che non ci piace, un po’ sul modello del referendum abrogativo, e ora vedo che il reclutamento per una grande manifestazione della Lega a Roma avviene con la stessa logica, ossia facendo leva sulle assenze, schierandosi contro un nemico reso grottesco e caricaturale già dal ritratto fotografico. 

il panino giusto sbagliato

dicembre 4, 2018

io-rossari

Una volta io e Marco ci siamo dati appuntamento a pranzo al panino giusto, ma non ci siamo trovati perché io avevo capito che era il panino giusto di porta Venezia, mentre lui intendeva il panino giusto di Ticinese (o viceversa, non mi ricordo).

Le immagini di ieri e di oggi

dicembre 3, 2018

lalla romano

Una sera fredda come questa, proprio qui in via Ciovassino – sono passati tanti anni, ero un ragazzo – m’incantai a osservare Lalla Romano che usciva da un ristorante a piccoli passi incerti sulla rizzada, tenuta sottobraccio da un’amica. Sempre più spesso, ovunque mi trovi, le immagini del passato si mangiano all’improvviso quelle del presente, e mi lasciano smarrito e con lo sguardo perso, come chi non appartiene più al suo tempo, o non sa più nemmeno quale sia.

casa Testori

dicembre 2, 2018

testori1testori2

Com’è bella casa Testori a Novate Milanese. Il davanti è proprio da Novate: il precetto borromeiano di non ostentare diventa quasi ascetico, potrebbe essere la casa di un tappezziere brianzolo, anzi il suo laboratorio, poi entri e scopri il retroprospetto, la parte a cui accedono solo gli intimi, il giardino spettacolare, insospettabile, il vialetto sinuoso di ghiaia, l’architettura che osa rompere l’ortogonalità…