Archive for the ‘assurdità quotidiane’ Category

Filastrocca veneziana

aprile 8, 2017

IMG-20170408-WA0001 coca-cola pepsi cola dorsoduro vaffanculo

canne divine

marzo 22, 2017

cortona

Questa l’ho scattata al Museo Diocesano di Cortona un paio di settimane fa. E’ un dettaglio de La comunione degli apostoli di Luca Signorelli, del 1512. Non sembra che Gesù stia passando uno spino a un suo discepolo? Se sapessi ritoccare la foto aggiungerei un balloon, la nuvoletta da fumetto, in cui Cristo dice: “oh, falla girare ma guarda che si chiama Pietro!

un idiota tutto d’un pezzo

febbraio 14, 2017

adinolfi

snob

febbraio 12, 2017

manichini

A Cannes sono talmente snob che i selfie se li fanno solo i manichini.

Volante 1 a volante 2

febbraio 10, 2017

nomentana-755x515

Sette anni fa, appena trasferito a Roma, chiesi alla mia donna di accompagnarmi a vedere l’angolo fra via Nomentana e Monte Sacro, che dai tempi di Renzo Arbore in tv mi aveva sempre incuriosito. Era il primo posto che volevo visitare della capitale e restai molto deluso scoprendo che non esisteva.

la lezione di un malato di mente

febbraio 9, 2017

anton-pilipa

Quest’uomo si chiama Anton Pilipa, ha 40 anni ed era scomparso nel marzo 2012 da Toronto. E’ stato ritrovato pochi giorni fa a diecimila chilometri di distanza, vicino a Manaus, una città brasiliana ai limiti della foresta amazzonica, da un poliziotto che l’aveva scambiato per un sacco della spazzatura tanto era conciato. Si trovava in evidente stato confusionale. I familiari l’avevano cercato dappertutto per cinque lunghi anni, e solo di recente si erano rassegnati all’idea di averlo perso per sempre. Pare che Anton soffrisse di disturbi mentali e fosse anche un po’ depresso. Ad ogni modo è stato identificato e così è potuto tornare a casa sua in Canada. Ai giornalisti ha raccontato di aver sempre viaggiato a piedi, spesso scalzo, passando senza documenti e senza intralci le frontiere di una decina di paesi. «Avevo solo una borsa con me ma me l’hanno rubata quasi subito. Non mi sono mai sentito solo. Ho incontrato tante persone cattive ma anche chi mi ha aiutato. Ho pensato molto, in questi anni passati dormendo all’aperto. Vivere è davvero semplice, non hai bisogno di molte cose in realtà».

facce di bronzo

novembre 28, 2016

cop

Massimo Coppola, quello che ha fatto fallire ISBN edizioni non pagando decine di collaboratori, autori e traduttori (me compreso), e che ora fa il “consulente editoriale Rai per le strategie e prodotti di brand e reti” (qualsiasi cosa significhi) per la modica cifra di quasi 200.000 euro l’anno, perché da noi con i contatti giusti i fallimenti fanno curriculum, beh quel Coppola lì su twitter pochi giorni fa ha citato Donald Trump (“I’m rich, I don’t need to be paid to be your president“), per poi commentare ironicamente: “Forgive us father Donald, we have sinned. We need to be paid to do our job“.

la mia manhattan

novembre 28, 2016

low

Io amo il Lower East Side. L’hotel lo cerco sempre prima in quella zona se vado a New York. Mi piace per i suoi colori, i pochi turisti, le case basse con le scale antincendio e la sua storia di emarginazione e di riscatto, perché è un quartiere che sta per essere riconquistato dai discendenti ricchi di quelli che lavorarono tutta la vita come bestie per fuggirne.

s’impegna ma non è intelligente

novembre 23, 2016

bracc

Braccia rubate alla tastiera.

tendenze

novembre 21, 2016

vog

I nuovi trend della bellezza: il look neanderthal.