Agnus day

aprile 14, 2017

berlusconiagnello

la giornata mondiale del capro espiatorio

link parade

aprile 13, 2017

goo

  1. Antonio Manzini         542.000    risultati su Google
  2. Alberto Moravia         523.000   risultati su Google
  3. Pier Paolo Pasolini     443.000   risultati su Google
  4. Aldo Nove                     412.000   risultati su Google
  5. Antonio Moresco        403.000   risultati su Google
  6. Giuseppe Genna          381.000   risultati su Google
  7. Tiziano Scarpa             376.000   risultati su Google
  8. Giorgio Manganelli    323.000   risultati su Google
  9. Carlo Emilio Gadda    281.000  risultati su Google
  10. Tommaso Landolfi     168.000   risultati su Google

omonimi

aprile 13, 2017

parodie

Io John Williams lo conoscevo da prima di Stoner. Per me era l’autore della più bella variante di Night and Day, questa. Il che conferma l’idea che ogni grande scrittore ha un suo omonimo da qualche parte, magari anche solo l’intestatario delle sue bollette.

In memoria di un istante

aprile 12, 2017

20170401_210344

L’immenso cimitero temporale di ogni esistenza. Ad plures ire, dicevano i latini. Morire come andare dai più, unirsi alla maggioranza. E allora rifugiarsi nella memoria, negli “sparuti e incostanti sprazzi di bellezza” trascritti su un taccuino come piccole lapidi di una felicità inattesa. Il ricordo di un cielo color prugna, visto al tramonto dalla mia casa in via Enrico Toti 12 a Monza, dopo la nevicata di giovedì 3 marzo 2005.

Ercole de Maria, o del successo

aprile 10, 2017

ercol

Una volta Tiziano Scarpa mi ha deluso, scrivendo delle cose che non mi aspettavo da lui. Ho pensato: sarà lo Strega. Si è montato la testa e si sente diverso dagli altri. Ma lui non è così. Tutta la sua vita testimonia il contrario. È uno che non è mai andato all’incasso. Anzi, se scorge qualche causa persa se ne invaghisce subito come di una bella gnocca. Forse è l’unico Premio Strega che non scrive stabilmente su un grosso giornale, e regala le sue perle sul blog del Primo amore, come questa per il centenario di Mattina. E poi sperimenta sempre nuovi linguaggi: testi per fumetti, per fiabe, per piece teatrali, per canzoni, per cataloghi di artisti contemporanei, tutte attività che lo entusiasmano ma di scarsa remunerazione, tanto che ultimamente in alcuni suoi versi è parso quasi preoccupato per il suo futuro economico (“come affronterò la vecchiaia senza pensione?“, “tiz datti da fare“). Quindi sono io ad aver equivocato, sicuro. Leggi il seguito di questo post »

Virgolette

aprile 9, 2017

20170325_093439.jpg

Che cosa sono le virgolette? Il segno della nostra estraneità alla parola data, il segno della sua convenzionalità sulle nostre labbra. La nostra sottolineata estraneità alla loro semplice interpretazione e utilizzazione. Segno della nostra superiorità nei loro confronti.” (Marina Cvetaeva, lettera 1/9/1936)

le cose che abbiamo in comune

aprile 8, 2017

georges-perec

io e Perec sono l’autobiografismo mascherato (W o il ricordo d’infanzia), la poesia del quotidiano  (Le cose), la hybris tassonomica (Tentativo di esaurire un luogo parigino) e un gatto nero.

colazione da Hoepli

aprile 8, 2017

hoepli

Il titolo della mia autobiografia. Quando da studente universitario andavo a mangiarmi una mela in gabbia davanti alle vetrine del paradiso, e fantasticavo una vita piena di libri.

Filastrocca veneziana

aprile 8, 2017

IMG-20170408-WA0001 coca-cola pepsi cola dorsoduro vaffanculo

sotto il segno di Giano

aprile 7, 2017

giano

Essere nato a gennaio, sotto il segno di Giano bifronte, che significava porta perché era la porta dell’anno, il dio dei cancelli, della fine e dell’inizio, del dentro e del fuori, di chi come me risiede nella soglia.