Posts Tagged ‘Dante’

memoria e oblio

aprile 17, 2018

footb

Ho letto una dichiarazione di George Steiner che non condivido. In realtà non è solo sua, appartiene a tutti, la sentiamo ripetere ogni giorno, ovunque, e per questo penso che sia importante esprimere e spiegare il mio dissenso. Steiner dice: “Noi siamo ciò che ricordiamo”. Così, secco, sulla scia di una serie infinita e abusatissima, a partire dal “Noi siamo quello che mangiamo”. No, manco per niente, mi viene da contestargli. Noi non siamo i nostri ricordi. Se proprio la vuol mettere su quel piano, l’ego è un mix di memoria e oblio, un arazzo la cui trama è composta dai ricordi ma con l’ordito fatto di oblio. Perché le due cose sono intrecciate insieme, non si contrappongono o escludono a vicenda, ma ciascuna detiene il senso dell’altra. I ricordi da soli sono un catalogo di ombre e fantasmi, non a caso da Omero a Dante a Freud l’esperienza del ricordo è sempre stata rappresentata come un viaggio nel regno dei morti. Memoria è, letteralmente, “morìa di me”, un piccolo obituario personale, una teoria di mancanze, però l’oblio non va inteso solo come memoria perduta, ma anche come memoria riscattata, fatta propria, metabolizzata, qualcosa di costitutivo che ci definisce e insieme testimonia l’insostituibile presenza di chi ci ha lasciato. Ma la parola che potrebbe alludere a quelle sparizioni resta comunque al di qua del dicibile, è il simulacro di un annuncio e di un’attesa perché sempre promessa e sempre differita.

Annunci

la cognata

giugno 21, 2016

paolo

Il sogno erotico degli italiani è la cognata, così ha sentenziato un noto rotocalco. Il risultato in fondo non è così sorprendente: la cognata è la donna che si incontra più spesso, nelle feste comandate e nelle riunioni di famiglia; e, come diceva Hannibal nel silenzio degli innocenti, si desidera soprattutto ciò che ci circonda e ci è familiare. Poi c’è il fascino del proibito, un tabù che costeggia l’incesto, e infine c’è la grande tradizione, quella nobile e letteraria, come nel caso di Paolo Malatesta immortalato nella Divina Commedia. Manca solo il libro, anche se forse galeotta è ancora la lettura (per esempio di facebook).