Posts Tagged ‘Kafka’

il filo rosso di Grunewald

luglio 21, 2017

IMG-20170720-WA0001In tutti gli autori di lingua tedesca che amo c’è Grunewald.

Paul Celan andò a vedersi l’altare di Colmar nella pasqua del 1970, poco prima di uccidersi, e restò commosso e impressionato dalla vista di quel Cristo che stilla resina.

Elias Canetti da giovane aveva un poster di quel dipinto nella sua cameretta, come dice ne Il frutto del fuoco (Adelphi, pag.322), e lo tenne con sé anche più tardi, mentre scriveva l’Auto da fé, come fonte di ispirazione

Walter Benjamin nel suo studio parigino al 10 di rue Dombasle aveva una riproduzione del capolavoro di Grunewald, per procurarsi la quale era andato appositamente a Colmar.

Mi mancava giusto Kafka, e ora ho trovato anche lui. Magari non nel modo canonico che mi aspettavo, cioè con una citazione esplicita o una riproduzione del dipinto appesa nel suo studio, ma con una presenza più discreta, eppure altrettanto significativa. Grunewald nella sua vita è un indirizzo, un indirizzo decisivo, il suo penultimo a Berlino, quello dove si trovava la casetta nel verde in cui visse tre mesi fra il 1923 e il ’24 con Dora Diamant e che gli fu particolarmente cara, forse perché pur malato senza speranza lì fece una vita di coppia quasi normale. Da quella casa infatti usciva ogni giorno a passeggiare nel vicino parco Steglitz, e lì incontrò la bambina che aveva perso la bambola che gli ispirò quelle bellissime e famose lettere perdute. Beh, la casa di Berlino in cui Kafka visse felicemente con Dora si trovava in Grunewaldstrasse, e pur non esistendo più possiamo ugualmente ammirarla in una foto esposta nella piccola mostra sullo scrittore praghese allestita in questi giorni al Martin-Gropius-Bau di Berlino fino al 28 agosto, o altrimenti possiamo vederla nel bell’album fotografico di Klaus Wagenbach intitolato Franz Kafka. Bilder aus seinem Leben.

Lo so, dire che Grunewald è presente nella vita dei grandi autori tedeschi non sembra molto probante, sarebbe come dire che Caravaggio era ammirato da quattro o cinque grandi scrittori italiani del Novecento. Poi l’ultimo addirittura col semplice indirizzo, figuriamoci. Eppure chi mi legge sa la mia ossessione per le case dei grandi artisti, e sa che per me c’è sempre un legame fra un artista e il suo indirizzo di casa. Esiste anche per noi comuni mortali, quel legame, semmai il problema è scoprire qual è.

La mia idea è che per ognuno di noi esiste una casa che ci rappresenta, un indirizzo che ci appartiene come una seconda pelle. Io ho vissuto in venti case diverse fino ad oggi, ho fatto il conto, ma con una sola mi identificavo totalmente, ed era la casa monzese di via Giovanni Rajberti, un nome che all’inizio non mi disse niente ma in seguito scoprii essere un medico-scrittore autore del libro Prefazione alle mie opere future.

Il tassonomista Georges Perec abitò in vari appartamenti nella sua breve vita, ma quello veramente suo stava in rue Linneo, a Parigi.

Sempre a Parigi il rumeno Cioran, gran camminatore, visse in diversi posti, compreso alcune stanze d’albergo, ma la sua vera casa fu l’ultima, in rue de l’Odeon, perché quella fu la prima strada della ville lumiere a dotarsi di marciapiedi.

Annunci

come sarebbe stato tutto diverso

luglio 17, 2017

wal

Si vivi vicissent qui morte vicerunt, diceva Cicerone. Come sarebbe stato tutto diverso, se nella vita avessero vinto coloro che hanno vinto nella morte. Anche per loro, intendo. Per Franz Kafka, Robert Walser, Walter Benjamin, Herman Melville… O forse no. Forse il genio è come il porco, buono solo da morto.

cose belle

marzo 30, 2017

wie

La critica entusiasta di Paul Wiegler nel 1912 al racconto La condanna di Kafka.

il quinto quarto

novembre 4, 2016

Francoforte, Germania

Sette mesi durò l’avanti e indietro fra Milano e Roma. Un weekend scendevo io, il weekend dopo saliva lei, finché un bel giorno lanciai il cuore oltre l’ostacolo e traslocai definitivamente nella capitale. In mezzo tanti treni, sigarette, bed & breakfast (che a casa sua c’era il bambino), messaggini e cene fuori. Le cene per me erano ogni volta una sofferenza. Io speravo in qualche bella trattoria ignorante, e invece appena sbarcavo a Termini lei aveva già prenotato in un ristorante etnico, tipo il vietnamita, l’indiano, o l’etiope. Il mio esotico era la cucina burina dell’agro romano, il menu della metropoli paesana, cioè la carbonara, l’amatriciana, la gricia, la cacio&pepe, e poi la lingua, la pajata, la coratella, la coda alla vaccinara.

Non sapevo che questi secondi piatti si chiamassero “il quinto quarto”. Quando me lo dissero fu una rivelazione. Non avevo ancora messo a fuoco del tutto ma già intuivo la potenza di quell’espressione. Il quinto quarto mi ricordava un po’ lo standard jazzistico Take five, basato su un anomalo ritmo in cinque quarti inventato dal batterista Joe Morello; o il dipinto di Pelizza da Volpedo Il quarto stato, che voleva dare corpo a un ceto sociale emarginato e non rappresentato; o ancora il film di Spike Lee La venticinquesima ora, che parla del tempo dell’illusione e della speranza, di qualcosa che è costitutivo e che eccede, come un gesto che ti appartiene e insieme ti trascende.

Il quinto quarto alimentare che scoprii a Roma sono le frattaglie, le parti meno nobili della bestia, quello che normalmente si butta perché considerato senza valore. Poi un giorno qualcuno, ma un qualcuno molto in là nel tempo, perché l’usanza pare risalire addirittura agli etruschi, e agli antichi romani con certezza, quel qualcuno per risparmiare s’inventò dei piatti con gli scarti degli altri, e alla fine uscirono pure buoni e saporiti.

Oggi di carne ne mangio poca, e spero di riuscire a rinunciarci del tutto prima o poi. Però la passione per il quinto quarto non mi ha abbandonato, e mi accompagna da quando neppure conoscevo quell’espressione, che per me è una specie di filosofia di vita, una visione del mondo. Per orientarsi servono i quattro punti cardinali, le città sono spartite nelle griglie rassicuranti dei quartieri, ma poi c’è tutto quello che sfugge alla topografia ordinaria, al bisogno di collocarsi e di significare.

Il quinto quarto è la collezione tessile patchwork, che negli anni Novanta realizzavamo con i campionari di tessuto che i produttori buttavano quando rinnovavano le loro collezioni, l’unica buona idea che ebbi da arredatore. Il quinto quarto è Stoner, lo scialbo personaggio cucinato con maestria da John Williams, un professore universitario talmente anonimo e passivo che solo “pochi dei suoi studenti serbarono di lui un ricordo nitido“. Il quinto quarto è Il povero suonatore di Franz Grillparzer, che si stupisce quando gli chiedono di raccontare la sua storia perché non pensa di averne una, non crede che il succedersi dei suoi giorni sia qualcosa di sensato e interessante come “una storia”. Il quinto quarto è il pedinamento del fantasma di Dora Bruder, che Patrick Modiano riesce a scrivere in bianco e nero, come fosse l’interrogazione di un vuoto. E’ Mohammed Sceab, il giovane egiziano che si tolse la vita nella stanza della pensione parigina che condivideva con Ungaretti, e del quale quest’ultimo diceva “forse io solo so ancora che visse”. Il quinto quarto sono le mani in negativo dipinte nelle grotte rupestri del Paleolitico, quelle che non s’imprimono ma si tolgono, che invece di affermare una presenza alludono a un destino d’ombra che è loro e anche nostro, ma che soltanto noi possiamo dire. Il quinto quarto sono Olga Kraus, Bianca Kovacs, Etelka Kisfaludi, le ignote pazienti del sanatorio di Kierling che divisero la stanza con Kafka durante le sue ultime settimane; è quello che succede quando non succede nulla, come diceva Perec; e sono tutte le vite inavvertite, la mia, la tua, quella di mia madre che finì ad agosto e tutte quelle che scompaiono ogni giorno nell’indifferenza generale ma dureranno lo stesso nel tempo, al di là dell’encomiabile sforzo di ricordarle e salvarle dall’oblio, perché come diceva Vladimir Jankélévitch “colui che è stato non può più non esser stato, e proprio questo è il suo umile viatico per l’eternità“.

metamorfosi

settembre 27, 2016

ka

Com’è cambiata la Praga di Kafka, sembra una città in forma di biografia. Neanche un secolo dopo la morte dello scrittore, in ogni angolo della capitale ceca riecheggia il suo nome e campeggia il suo volto malinconico, icona della bellezza e della purezza dell’insuccesso, a partire dalla sua casa natale, che oggi ospita il caffè Kafka, col suo ritratto come insegna. Ma per i fan più esigenti c’è la camera 214 dell’hotel Century, in cui si può soggiornare provando l’ebbrezza di stare fra le stesse mura in cui lui passò quattordici anni della sua vita, dato che quello era il suo ufficio all’Istituto di Assicurazioni. Chissà che penserebbe Franz, di questa stanza con la foto bromurica dei genitori appesa sopra il letto, e soprattutto di chi ci vuol dormire, tanto da prenotarla con largo anticipo? Uno scrittore la cui fama in vita varcò a stento i confini boemi, ora è diventato un’attrazione turistica internazionale e un pilastro del canone novecentesco occidentale. Ma il colmo è la libreria Kafka a Palazzo Kynski, dove un tempo c’era la merceria del padre. Hermann, l’omone che badava solo ai soldi e alla reputazione, che direbbe adesso nel vedere che tutto il mondo celebra l’opera del suo primogenito, quello che considerava un buono a nulla? Sembra una domanda retorica, ma la risposta non è così scontata. Lo dimostra il fatto che i c.d. cugini americani, i figli dello zio Philipp, emigrati negli USA e fra i pochi sopravvissuti dell’intera famiglia, rinnegarono ogni parentela col defunto e ormai celebre Franz.

nozionismo e cultura

luglio 8, 2016

quiz

Oggi l’uomo vitruviano è quello che possiede una memoria vischiosa, che trattiene nomi e date come insetti sulla carta moschicida, che non stabilisce gerarchie e collegamenti ma ritiene tutto separatamente e sullo stesso piano: fondi oro e formazioni della Sampdoria, gli sfidanti di Jack La Motta e la biografia di Kafka, le sonate di Mozart e i vincitori della Liegi Baston Liegi. Si invidia la memoria onnivora come l’appetito di uno squalo, da alimentare in continuazione e che non distingue ciò che ingurgita, tanto che quando lo squalo viene preso e aperto si trovano targhe automobilistiche, triglie, pezzi di surf e pneumatici. Molti scambiano il nozionismo per cultura, come nella vecchia regola della pedagogia ottocentesca secondo la quale tantum scimus quantum memoria tenemus. Ma il pensiero è collegamento, associazione, astrazione, tutto il contrario del nozionismo. Come insegnano le parabole di Irineo Funes e di Shereshevsky raccontate da Borges e da Alexander Lurija.

AAA case d’artista vendonsi

giugno 16, 2016

 dalida                       

A volte la cultura paga. Magari non subito, ma se si ha pazienza i soldi tornano tutti e con gli interessi. Basta vedere come campano di rendita l’Harry’s bar di Venezia, il Gambrinus di Napoli, le Giubbe rosse di Firenze, il Jamaica di Milano o il Café de Flore di Parigi.20170604_092816Ci sono addirittura città che s’identificano con un artista e prosperano grazie a quel tipo di turismo, vedi Joyce e Dublino (e oggi è il Bloomsday), Pessoa e Lisbona, Kafka e Praga, Gaudì e Barcellona. Parigi invece è un pantheon affollato, difatti è praticamente impossibile girare per Saint-Germain o Montmartre senza imbattersi in qualche placca commemorativa. A volte la memoria storica è talmente ricca da sovrapporsi. Penso a chi visita la casa di rue d’Orchampt, dove la cantante Dalida si tolse la vita nell’87, senza sapere che fra quelle stesse mura circa mezzo secolo prima un oscuro medico scriveva uno dei capolavori del Novecento, il Viaggio al termine della notte. Ma l’assenza della lapide di Céline non è dovuta tanto alla sovrapposizione, quanto piuttosto all’imbarazzo per il suo antisemitismo che gli è costato la damnatio memoriae. Non a caso, quando i condomini di rue Girardon apposero la lapide che segnalava la sua presenza lì, il comune provvide subito a farla rimuovere. È che quelle case sono molto ricercate, tant’è che l’appartamento di Dalida è stato venduto a un prezzo esorbitante, molto superiore al suo valore di mercato. Forse converrebbe lanciare un crowdfunding per aprire un’agenzia immobiliare specializzata in residenze d’artista, soprattutto le tante non ancora note, sposando così business e cultura.

la formazione dello scrittore

luglio 8, 2015

tg5

Tutti ce l’hanno su con l’imprinting, come le oche di Lorenz. Si parte sempre da lì: la biblioteca paterna, l’aura sacrale dei libri, il bimbo piccolo che spia i genitori assorti nella lettura. A ben vedere, anche le poche esperienze di segno opposto, cioè le storie di chi è diventato scrittore in case prive di libri, sembrano comunque ricondurre tutto a una volontà di riscatto familiare, quasi che fosse impossibile non rapportarsi in qualche modo ai propri genitori. Per quanto mi riguarda, io ho cominciato a scrivere per scommessa. Con l’impegno, la determinazione e soprattutto la spericolatezza a cui si fa ricorso quando s’intende vincere una scommessa. Una scommessa in primis con me stesso, per mettermi alla prova e con l’unico premio della soddisfazione personale, ma anche col mondo, per vedere se riuscivo a farla in barba agli altri. Io partivo da un assunto molto skinneriano, nel senso di Burrus Frederic Skinner, lo psicologo comportamentista americano che sosteneva che l’educazione e l’ambiente sono tutto, e che d’innato abbiamo poco o niente. Datemi dieci bambini piccoli, e fra vent’anni vi restituirò un ingegnere, un avvocato, un calciatore, un cantante, cioè saranno creta nelle mie mani, ne farò quello che voglio io; così diceva. Basta metterli sotto a studiare e a praticare assiduamente una cosa e i limiti congeniti spariranno. Ecco, io sono stato lo Skinner di me stesso. A un certo punto della mia vita mi son detto: posso farcela. Se mi ci metto d’impegno la do a bere a chiunque. E cosa c’è di più innato e sacrale della letteratura? L’ispirazione, lo spirito che soffia dove vuole? No, io lo farò soffiare a comando, e poi tutti diranno “lo sapevo”, “era nato per quello”.

Nella mia vita precedente facevo l’arredatore, quello era il mio posto nel mondo, la mia occupazione. Arredare le case degli altri, avere una competenza su tessuti, mobili e imbottiti. A me la gente si rivolgeva per quello. Poi arrivò la crisi, durissima, e non ci misi molto a capire che non era una congiuntura temporanea, che non bastava stringere la cinghia: dovevo cambiare vita, mollare tutto e inventarmi qualcos’altro. Sapendo di non avere talenti particolari, e neppure capitali da investire, ho provato con la scrittura, la cosa più economica del mondo. In fondo serve solo una biro e dei fogli, se non hai neppure un pc. E poi a uno scrittore si perdona tutto. Puoi essere un poveraccio, uno che non si può permettere manco di vivere da solo in un monolocale in affitto, ma se scrivi libri e articoli sulle pagine culturali non sei un pezzente come tutti gli altri, il 740 non misura più il tuo valore, il tuo peso nel mondo. Perché non si sa mai. Sai quanti scrittori in vita non se li cagava nessuno e sono stati scoperti dopo morti? L’importante è che qualche copia sopravviva nelle biblioteche pubbliche, e la fama postuma a quel punto è possibile. Il fatto che ci sia una probabilità su un milione di essere il Kafka (o il Walser, o il John Williams) del XXI secolo non conta, così come chiunque spera di vincere al superenalotto. Ci vuole un po’ di pazienza, e un Max Brod che ti resusciti. Il talento, quello è opinabile. Io ero certo di non possederlo, ma allo stesso tempo ero convinto che con un po’ di esercizio e un po’ di tempo a disposizione avrei sfornato anch’io qualcosa di degno, che non sarebbe passato sotto silenzio. E così mi son messo di buzzo buono e ci ho provato. È come la simpatia. Io non sono mai stato simpatico a nessuno, di primo acchito. Forse conoscendomi un po’, dopo un po’ di tempo, quando mi lascio andare e mi fido di chi ho di fronte, posso risultare simpatico, ma all’inizio no. Allora ho fatto come il protagonista del romanzo di Ishiguro, il maggiordomo di Quel che resta del giorno. Mi sono allenato, tanto non mi correva dietro nessuno. Non avevo scadenze da rispettare, solleciti o particolari aspettative, perché nessuno si aspettava da me niente in quel senso, e quindi potevo lavorare in tranquillità. Allora sono partito da due punti fermi, due punti di forza. Il primo è che so cogliere il bello, capire quando una cosa funziona, e a quel punto si tratta solo di replicarla, adattarla al nuovo contesto. E il secondo è che il materiale non mi mancava, avendo vissuto parecchie esperienze fuori dall’ordinario. Così mi sono iscritto a un corso di sceneggiatura della Rai, ho imparato le tecniche di base della narrazione per immagini, l’arco di trasformazione del personaggio, gli scarti, i punti di svolta, e poi mi son messo sotto. Il primo punto di forza era raccolto in diversi taccuini. Tutto ciò che avevo visto, sentito o letto di ammirevole l’avevo trascritto lì, e ora mi sarebbe tornato utile. Il secondo punto di forza l’avrei sfruttato raccontando ciò che conoscevo meglio, le storie di cui ero stato protagonista, gli alti e bassi che il destino mi aveva procurato con generosità.

Ci misi poco meno di un anno a finire il primo libro, e pur non avendo avuto il successo sperato quel romanzo non passò inosservato, tant’è che mi fruttò un contratto per il secondo. Ricordo che mi giunsero voci da parte di alcuni parenti e amici che dubitavano fortemente che fossi in grado di ripetermi. “Ci ha messo tutto se stesso nel primo, che scriverà ora?”. Io invece non avevo alcun dubbio in quel senso. Le idee non mi sono mai mancate. Semmai mi è mancata la fiducia, il credere che valessero qualcosa. Esemplare è stato il mio secondo libro, l’antologia Lui sa perché. Fenomenologia dei ringraziamenti letterari, pubblicata da ISBN. Era tutta la vita che in un libro guardavo per prima cosa i ringraziamenti. Ero arrivato perfino a formulare la teoria secondo la quale la lunghezza dei ringraziamenti fosse inversamente proporzionale al valore dell’opera, tant’è che nel mio primo romanzo li ridussi ai minimi termini per non smentirmi. Però non avevo mai pensato che fosse qualcosa di significativo, solo una mia fissa un po’ bizzarra. Finché un giorno, su facebook, dopo aver postato i ringraziamenti involontariamente comici del libro Zero zero zero di Roberto Saviano, fui contattato da Carolina Cutolo. Mi disse di essersi vergognata molto sentendomene parlare a un festival letterario, dato che lei aveva scritto dei ringraziamenti lunghissimi, e mi propose di farne insieme un ebook autoprodotto. Solo a quel punto, dopo che lei mi fece capire che poteva essere un libro interessante, un fenomeno da studiare, rilanciai proponendo di presentarlo a un editore per farne un libro cartaceo, e così fu. Mentre raccoglievamo i vari ringraziamenti e li suddividevamo in categorie, pensai che quella era un’idea che sarebbe potuta piacere a Umberto Eco, e gli scrissi una lettera che illustrava il nostro progetto chiedendo se era disposto a farci una prefazione. Ventiquattr’ore dopo, per email, Eco mi rispose così: “Entusiasta del suo progetto, le regalo una mia vecchia bustina di Minerva dell’87 per darmi atto della mia idea pioneristica”. Non era una prefazione nuova, fatta ad hoc per quel libro, ma era pur sempre un suo testo sul tema, e neppure molto conosciuto, dato che non figurava nell’omonima raccolta di Bompiani e non si trovava neppure in rete.

Pochi giorni dopo la pubblicazione dell’antologia sui ringraziamenti uscì pure il mio secondo romanzo. Era il 4 settembre di quest’anno, ed io ero molto emozionato. Ci avevo messo quasi due anni a scriverlo, ma alla fine ce l’avevo fatta, la scommessa l’avevo vinta. Un nuovo romanzo, con un’altra storia, stavolta molto poco autobiografica. Come ogni autore, riponevo grandi speranze nel mio libro, ero certo che avrebbe venduto più del mio romanzo precedente, ma quando chiesi al mio editor la tiratura rimasi di stucco, fu una doccia gelida. L’avevano stampato con un numero di copie molto inferiore al precedente, quasi un terzo. E infatti il libro non c’era, non esisteva. In molte librerie non figurava neppure, e nelle più grosse se ne trovavano al massimo un paio di copie, quasi sempre impilate di dorso negli scaffali alfabetici a parete, quelli che si consultano solo se si ha già idea di cosa comprare. In queste condizioni era molto difficile, se non impossibile, venderne più del precedente. Mi spiaceva un casino, soprattutto perché questo romanzo aveva degli atout commerciali di cui il primo era privo. Un titolo più accattivante, una copertina più attraente (grazie al disegno di Lorenzo Mattotti), una fascetta di Tiziano Scarpa, che mi considera “una delle penne più felici oggi in Italia”, e infine una storia più lineare, meno frammentaria, con un linguaggio depurato dagli sfoggi muscolari del primo. Le ragioni addotte dall’editore erano quelle economiche. Dal 2011 ad oggi erano cambiate molte cose nell’editoria. In soli tre anni un quarto delle librerie aveva chiuso, si vendevano molti meno libri, ergo la tiratura del precedente era impensabile. Insomma, mentre ero avvolto in pessimi presagi e il libro era appena uscito ricevetti una notizia sorprendente. La notte del 7 settembre, solo tre giorni dopo l’uscita del romanzo, ero a casa con la mia compagna. Dato che non c’era nulla d’interessante in tivù accesi il pc e controllai il mio blogghettino. Non aveva molto senso che lo controllassi, dato che negli due anni l’avevo trascurato parecchio per scrivere il libro e il numero dei suoi visitatori era crollato a cifre risibili, circa 20 persone al giorno, ma lo feci lo stesso e notai subito un’allerta di wordpress, una spia che mi segnalava un insolito picco di accessi. Guardai le statistiche e c’era una torre che svettava in mezzo al deserto. Un migliaio di persone nel giro di un’ora era passato dal mio blog. Controllai da dove arrivavano e risultava che provenivano tutti da twitter. Lo dissi subito alla mia compagna e sbirciando dal suo profilo su twitter, dato che io lì non c’ero, mi accorsi che il responsabile era nientepopodimeno che Jovanotti. Aveva scritto che gli era piaciuto molto, e ci aveva messo pure la foto della copertina. Un endorsement di Jovanotti, su twitter, dove vantava più di due milioni di followers, non ci potevo credere! Eccolo, il punto di svolta che attendevo, il mio treno! Ora tutto sarebbe stato diverso. Mi chiamarono subito molti amici per congratularsi. Uno di loro mi disse: “in confronto, con La Lettura del Corriere ci s’incarta il pesce”. Insomma, io e la mia compagna ci abbracciammo, eravamo al settimo cielo, tanto che faticai ad addormentarmi, cullato da mille sogni di gloria, ma nei giorni successivi purtroppo non cambiò nulla. L’editore non ristampò e non cambiò neppure la fascetta. Quell’endorsement produsse una piccola fiammata di vendite, come mi disse l’editor, ma non convinse Ponte alle Grazie a rimpolpare le poche copie distribuite. Neppure un mese dopo, quando apparve un video di Jovanotti della durata di 10 minuti sul mio libro, si smosse, e presto anche i miei entusiasmi si spensero.

Un sabato mattina, che scesi a portare il cane passando davanti all’edicola dove compravo sempre gli inserti letterari del weekend, decisi di non comprare più Tuttolibri de La Stampa. In fondo mi aveva ignorato fino a quel momento, perché spendere dei soldi per leggere recensioni di libri altrui? Rincasai, e mentre la mia compagna si stava facendo la doccia sentii il trillo del suo cellulare. Le era arrivato un sms. Mi chiese dal bagno di leggerlo e vidi che un suo amico torinese, assiduo lettore de La Stampa, le comunicava che oggi quel giornale aveva incensato il mio libro. Mi precipitai giù a comprarlo e lo lessi correndo verso casa. Angelo Guglielmi, l’arpagone degli elogi, diceva delle cose bellissime. “Una scrittura che ha introiettato una consapevolezza, un’attitudine critica che le conferisce una splendida purezza e agilità. L’autore spinge avanti la trama del racconto guardandola a distanza, mettendole a disposizione, come un dono, il suo sguardo. Uno sguardo reso sapiente dalla lettura degli straordinari autori cui Garufi esclusivamente si dedica – certo Cortazar, ma prima Flaubert, Kafka, Céline, Cioran e soprattutto Perec”. Ero commosso. Dopo il celebre cantante pop, il mio libro era piaciuto pure a un critico colto ed esigente come lui, cosa potevo pretendere di più? Il successo, solo quello mi mancava, e quello non è arrivato. Ancora non conosco i dati di vendita degli ultimi due libri, ma è quasi certo che non supereranno le tremila copie, cioè quanto vendetti all’esordio. Questo significa che la scommessa l’ho persa, che non sono uno scrittore. Al pubblico non l’ho data a bere. Su questo punto la penso come Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany, quando chiede a George Peppard: “Ma sei uno scrittore vero?”, e lui risponde “in che senso?”, al che lei replica: “ci campi con quello che scrivi?”. Ecco, io non ci campo. Se non vivessi con la mia compagna, che ha una casa di proprietà tutta pagata, non potrei mai permettermi un affitto da solo, neppure mettendo insieme i guadagni delle traduzioni e delle collaborazioni giornalistiche. E a 50 anni non è un gran risultato. Anche lei, la mia compagna, ha perso la sua scommessa, quando ha creduto in me, nella possibilità che io diventassi uno scrittore. Se penso che una delle categorie del libro sui ringraziamenti s’intitolava “febbre da cavallo”, e prendeva in giro gli scrittori che ringraziavano chi aveva scommesso su di loro, capisco quanto il destino possa essere beffardo e vendicativo. Ma pure la mia famiglia ci aveva creduto, e ora è un po’ delusa. Viviamo tutti lontano. Mia madre e mio fratello minore in Spagna; mio fratello maggiore in Brasile, dove fa l’export area manager per la Perfetti, la multinazionale dei chewing gum, e infine mia sorella a Milano, col suo bel negozietto in centro. Mi seguono tutti con affetto, seppur distanti, s’informano sull’andamento delle vendite e delle recensioni, speravano che almeno uno di loro diventasse famoso. A volte, quando ci riuniamo a Natale, gli leggo in volto la delusione, e io stesso mi sento un po’ Calimero, quello che non possiede nulla e guadagna meno di tutti. Poi per consolarmi penso che non è stato tutto vano, che qualcosa mi è rimasto, che la stima di Guglielmi, l’apprezzamento di Umberto Eco, di Jovanotti e di Tiziano Scarpa non me lo toglierà nessuno finché campo. E non è cosa da tutti i giorni. Certo non ci paghi l’affitto, ma riscalda il cuore.

Autografi

settembre 15, 2012

A me piace molto il quartiere latino di Parigi. Da qualche parte Emanuele Trevi ha scritto che Saint-Germain gli sembra falso, come il museo di se stesso, di quando era il crocevia delle discussioni intellettuali, con i due bar letterari e le cave esistenzialiste in cui si ascoltava il jazz. Io invece lo sento ancora autentico, forse perché non vado in cerca di quelle cose, non mi siedo al Deux Magots o al Flore sperando di rivivere gli anni di Sartre e compagnia. Certo abitarci è proibitivo, le case costano un’occhio e i turisti l’assediano in continuazione, ma in qualche angolo sopravvive ancora uno slargo di quiete, come in quelle belle piazzette confidenziali tipo Place Furstenberg.  Mi piace il quartiere latino perché è elegante e ci sento ancora una tradizione colta, di buon gusto, in chi lo frequenta, tant’è che è pieno di librerie aperte fino a tardi. Poi mi piace sbirciare i negozi di tessuti d’arredamento, la mia vita precedente, e ogni tanto entro in una libreria antiquaria dove vendono autografi d’artisti. Di un paio ricevo per posta pure i cataloghi. Lì dentro mi sento in un’oasi di pace e di cultura, come se la corsa del tempo si sospendesse. Mi faccio mostrare qualche lettera di Céline, una cartolina di Kafka o di Benjamin, e sono felice. Non me le posso permettere ma faccio come se fossi in un museo, per cui mi godo la solitudine e non mi rammarico di non poter comprare. E comunque prima o poi qualcosa prenderò, in fondo non sono carissimi. E la cosa più bella, per me, è che non ubbidiscono completamente alle ferree leggi del mercato, quelle di domanda e offerta. Il vero discrimine resta l’arte. Per esempio di Cioran o Benjamin esistono pochi autografi in commercio, perlomeno rispetto a Céline, che era un vero grafomane, eppure gli autografi di quest’ultimo valgono molto di più. Questo non perché Cioran e Benjamin fossero scrittori meno importanti di Céline, ma perché nelle loro lettere adoperavano uno stile più burocratico. Scrivevano “Gentile signore”, “cordiali saluti”, “la presente per dirvi” ecc; mentre Céline scriveva lettere e cartoline come i suoi libri, in argot, coi tre puntini di sospensione, il tono esclamativo e un po’ delirante, le similitudini sorprendenti. Sono, insomma, delle piccole opere d’arte, mentre le lettere di Cioran e Benjamin hanno un mero valore documentario. E poi quelle farmacie dello spirito le amo perché sono in via di estinzione. Fra poco spariranno, come i loro vecchi e dotti titolari. Con gli sms, le mail e Word non resterà più traccia fisica di un testo: niente correzioni, sbavature e grafia tipiche di una persona. Perfino le dediche sui libri sono a rischio, se s’imporrà l’uso dei tablet per leggere; e allora io voglio godermi almeno il tramonto di questo bel mondo.

La voce delle cose

giugno 6, 2009

bambola

C’è un aneddoto della biografia di Kafka che mi ha sempre affascinato. Riguarda il tempo in cui viveva a Berlino con Dora Diamant, l’ultimo periodo della sua vita. Pare che un giorno lui e Dora stessero passeggiando nel parco di Steglitz quando incontrarono una bambina in lacrime. Le domandarono il motivo del pianto e lei rispose che aveva perduto la sua bambola. Allora Kafka le chiese l’indirizzo di casa, dicendole che se l’avesse trovata gliel’avrebbe portata, e nei giorni seguenti le scrisse delle lettere come fosse la bambola perduta. In queste lettere la bambola raccontava alla bambina la sua vita senza di lei, le avventure che aveva. Purtroppo non se n’è conservata nessuna, solo il ricordo di Dora. Molti anni dopo vennero affissi dei manifesti per cercare di trovare la destinataria di quelle missive, una bambina che doveva essere nata nel 1917, ma fu tutto vano.

A ben vedere questo non è solo un racconto edificante sulla sensibilità di quell’uomo straordinario, che concepì un’opera per un solo lettore, ma è anche un apologo formidabile sulla volontà dell’artista di reificarsi fino a dar voce a chi non ce l’ha, fino a scoprire l’anima di ciò che definiamo comunemente inanimato. E ci insegna che la dicotomia oppositiva fra soggetto e oggetto, il primo attivo e il secondo passivo, è in fondo un’illusione di superiorità. Forse non c’è mai stato un periodo storico come questo in cui il soggetto è stato tanto assoggettato, tanto privato della propria volontà da ridursi a marionetta. E in ogni caso si tratta di un’illusione perché non vi è opposizione, soggetto e oggetto sono categorie relazionali, ciascuna detiene il senso dell’altra.