Posts Tagged ‘Van Eyck’

effetto decadrage

febbraio 5, 2020

deca

A volte Chiara mi fa queste foto bellissime. Questa l’ha scattata due giorni fa a Gent, nelle Fiandre, la città di Van Eyck. Stavo uscendo da una pasticceria, in mano avevo un piccolo sacchetto con delle meringhe. Il motivo per cui amo questa foto è l’effetto decadrage, quando si spinge un personaggio al limite esterno del campo visivo per sottolineare la sua natura marginale. Quel personaggio è a tutti gli effetti il protagonista della composizione, eppure ne occupa solo una piccola porzione, la più esterna. Che poi è quello che ho sempre cercato di fare: ritagliarmi unn ruolo laterale, ma da chiave di volta.

la mano nella mano

novembre 13, 2016

obami

Nel film About Schmidt il protagonista, un pensionato catatonico interpretato da Jack Nicholson, adotta a distanza un bimbo africano, e il dialogo epistolare che mantiene con questo bambino è un espediente narrativo per raccontare la sua vita e i suoi pensieri. Nel finale, dopo tante traversie e lutti, Nicholson riceve una lettera della missionaria che alleva il bimbo, nella quale è accluso un disegno infantile di quest’ultimo che mostra due figure, una grande e una piccola, che si tengono per mano.

mani

Investigating Van Eyck è un libro che trovai nel bookshop della National Gallery di Londra. Contiene diverse radiografie sul dipinto dei coniugi Arnolfini, che mostrano come i pentimenti del pittore riguardarono soprattutto la posizione delle mani unite (prima lui stringe quella di lei, dopo la tiene più morbidamente, poi vengono spostate più in alto e di profilo), come se quello fosse il vero fulcro dell’opera.

Al funerale laico di Umberto Veronesi, il figlio Alberto ha raccontato che la notte prima di morire il celebre oncologo cercava in silenzio la sua mano.

Alcuni testimoni riferirono che l’11 settembre una coppia di jumpers si buttò dalle torri gemelle in fiamme tenendosi per mano.

L’ultima poesia dello scrittore svizzero Grytzko Mascioni, composta a Nizza nella primavera del 2003 quando ormai sapeva che gli mancavano pochi mesi, è dedicata alla moglie Angela e si conclude con quell’immagine: (more…)